Ritratti - DONA BERTARELLI

DONA BERTARELLI

COME DESCRIVERESTI IL SUCCESSO IN UNA PAROLA?

Gratificante.

COME DESCRIVERESTI UN ATTEGGIAMENTO IMPRONTATO AL CORAGGIO DI OSARE?

Avere un sogno, lavorare sodo per realizzarlo ed essere orgoglioso di ciò che hai raggiunto, qualunque sia il risultato.

QUAL È IL RISCHIO PIÙ GRANDE CHE HAI CORSO PER FINIRE UNA REGATA?

Alcune scelte tattiche dell'ultimo minuto possono sembrare disperate ma portano buoni risultati. Ma il rischio più grande che si può correre in condizioni meteo estreme è quello di spingere la barca e l'equipaggio al limite. È quello che è successo con la vittoria di quest'anno al Bol d'Or Mirabaud.

QUAL È IL MOTTO CHE PORTI SEMPRE CON TE PER MOTIVARTI?

Una regata non è finita finché non hai tagliato il traguardo. Tutto può succedere, a te come agli altri. Abbi fiducia nel lavoro del team tecnico che ha preparato la barca. Abbi fiducia nei tuoi compagni di squadra e, soprattutto, concentrati fino alla fine sul lavoro da fare.

COSA RAPPRESENTA PER TE L'EMOZIONE DELLA VITTORIA?

Il successo di tutto il team che finalmente viene condiviso con tutti coloro che vi hanno contribuito. Il riconoscimento di un lavoro ben fatto.

DI TUTTI I PRIMI POSTI DELLA TUA CARRIERA, QUAL È QUELLO DI CUI SEI PIÙ ORGOGLIOSO?

Tutte le vittorie sono speciali e diverse a modo loro. Le mie due vittorie al Bol d'Or Mirabaud hanno un sapore diverso dal record nell'America Discovery Route, che per me è stato il primo in una regata d'altura.
 
QUANDO SENTI LA PAROLA "CHAMPAGNE", COSA TI VIENE IN MENTE?

Gioia, felicità e festeggiamenti.
 
IN QUALI OCCASIONI BEVI CHAMPAGNE?

Nelle occasioni speciali, per brindare con le persone che amo.
 
HAI UN PORTAFORTUNA O UN RITUALE PER OGNI REGATA A CUI PARTECIPI?

Non per ogni regata; ogni volta che varo una nuova barca, però, mia madre deve essere presente per benedirla.
 
QUAL È LA PIÙ GRANDE SFIDA CHE AFFRONTERAI DURANTE LA ROUTE DU RHUM 2014?

Sostenere Yann dalla base del team e assicurarmi che per lui tutto fili liscio.

 
 
 
loading