Ritratti - ALAIN THÉBAULT SI PREPARA A BATTERE IL RECORD MONDIALE A BORDO DELLA SUA HYDROPTERE

ALAIN THÉBAULT SI PREPARA A BATTERE IL RECORD MONDIALE A BORDO DELLA SUA HYDROPTERE

Hydroptere è il primo aliscafo ad aver attraversato un oceano.

Hydroptere è salpata da Los Angeles il 2 giugno 2015 ed è appena approdata a Honolulu, dopo aver messo a segno oltre 2.215 miglia nautiche (4.102 km). Non è tuttavia riuscita a battere il record di velocità per la traversata dell'Oceano Pacifico: i venti deboli, infatti, non hanno permesso al trimarano di raggiungere velocità di crociera elevate.
La vera sfida di questa prima traversata era però di tutt'altra natura. Nonostante le condizioni fossero decisamente avverse, Alain Thébault e il suo equipaggio hanno deciso di tenere la rotta per non mancare a un incontro di portata storica. Tra poche ore, infatti, André Borschberg e la sua Solar Impulse, il primo velivolo completamente alimentato a energia solare, approderanno alle Hawaii. Le rotte di questi due velivoli leggendari, uno alimentato dall'energia del Sole e l'altro dalla forza del vento, si incroceranno, per un incontro eccezionale. Due portenti delle moderne tecnologie, due precursori nei loro rispettivi campi accomunati da un unico messaggio: "utilizzate le energie pulite".
La Maison di champagne Mumm è fiera dell'amicizia che da anni la lega al rinomato velista Alain Thébault, che in questo momento è già proiettato verso la sua prossima emozionante sfida: superare il record mondiale di velocità con la sua Hydroptere la prossima primavera.

Da sempre Mumm si è spinta oltre i limiti per raggiungere la vittoria, avvalendosi di partner internazionali che a loro volta non hanno paura di superarsi per dare forma al futuro. Sono questi i valori fondamentali che animano le imprese di Thébault e che fanno di lui un partner naturale della Maison. Alain Thébault entra in contatto con la Maison tramite Paul Ricard, fondatore di Ricard e del gruppo Pernod Ricard. I due scoprono fin da subito di condividere una visione e valori affini, che costituiranno la base dello stretto rapporto che unirà Thébault alla famiglia Ricard nel corso degli anni. Paul-Charles Ricard, nipote di Paul Ricard nonché International Marketing Manager presso Mumm, ha deciso di rendere omaggio a questa storia avviando una collaborazione basata proprio sullo spirito pionieristico e la ricerca incessante dell'eccellenza che accomunava i due amici.

L'innovativo aliscafo Hydroptere è stato presentato al mondo per la prima volta dal leggendario capitano Eric Tabarly nel 1987: lo scopo era trascendere i limiti tecnologici della vela attraverso la messa a punto della prima imbarcazione "volante". Da allora questo aliscafo d'eccezione non ha mai smesso di superare le aspettative, grazie alle costanti innovazioni apportate da esperti dell'industria aeronautica e navale, entrando a pieno titolo nel novero delle barche a vela più veloci al mondo. Thébault ha collaborato con grande passione al progetto Hydroptere al fianco di Tabarly, diventando il primo velista al mondo a superare la barriera del vento a bordo del prodigioso aliscafo, primato che gli valse nel 2009 il titolo di velista più veloce al mondo. La costante ricerca dell'eccellenza che guida Thébault ha consentito all'aliscafo di realizzare enormi passi in avanti dal punto di vista tecnologico e, grazie al sostegno della Maison Mumm, il velista francese si accinge a misurarsi con un nuovo record mondiale, che gli consentirebbe di mantenere il titolo di velista più veloce del mondo e continuare a plasmare il futuro della vela. La traversata inizierà a Los Angeles in California, dove Thébault salperà alla volta di Honolulu a bordo di Hydroptere.

Animato da una perseveranza eccezionale e una passione sincera per la sua imbarcazione, Thébault ha accettato di correre un nuovo rischio per compiere un'impresa assolutamente inedita: attraversare il Sud Pacifico in soli quattro giorni, superando così l'attuale record di quattro giorni e mezzo. Ad affiancarlo in questa avventura oceanica un'equipe d'eccezione, che vede al timone il co-comandante Jacques Vincent, l'ingegnere Jeff Mearing e i velisti Yves Parlier e Jean le Cam.

Philippe Guettat, presidente e CEO della Maison di champagne Mumm, ha dichiarato: "L'amicizia di lunga data che unisce Alain e la Maison affonda le radici in valori che ci accomunano come la passione, l'impegno, lo spirito pionieristico e la ricerca della vittoria. Valori che per noi continuano a essere di fondamentale importanza e che hanno permesso di trasformare la nostra amicizia in una vera collaborazione. Siamo fieri di sostenere Alain nella sua ambiziosa avventura e nel suo tentativo di segnare un nuovo entusiasmante record mondiale." La Maison Mumm offrirà infatti il proprio sostegno a Thébault e al suo equipaggio in questa impresa tutta giocata sulla velocità e la precisione. Ad attenderli alla linea del traguardo ci sarà una Jeroboam Mumm: un omaggio degno di questi pionieri e della loro tenacia nel perseguire questa emozionante avventura.

 
 
 
loading